Apertura Campanile Chiesa del Carmine Maggiore: "abbraccio" e vista privilegiata sulla cupola 

20220323_092257_0000.png

🚩🚩🚩Finalmente dal 27 marzo dalle ore 14 alle 16 ed ogni sabato (dalle ore 10-16) e domenica (dalle 12 alle 16), si potrà abbracciare la cupola della Chiesa del Carmine Maggiore. Non più quindi solo ammirarla dal chiostro del Convento cinquecentesco, con il collo tirato verso l’alto, ma salendo sul settecentesco campanile.

L’apertura è stata fortemente voluta dal Rettore Carmelitano padre Piero Leta, coadiuvato dall'associazione culturale "guardie del tempio di Cristo" e da una squadra di professionisti.: "Per la prima volta, si renderà fruibile ai visitatori il campanile settecentesco e da esso l'affaccio sulla splendida cupola, rivestita con maioliche policrome di rara bellezza. Essa è suddivisa in quattro spicchi dentro ciascuno dei quali è riportato l’antico stemma carmelitano: il monte Carmelo, con una stella centrale che indica la presenza della Vergine Maria, e altre due laterali in riferimento ai profeti Elia ed Eliseo, e ancora i simboli dei primi due santi carmelitani: la palma il martire S. Angelo di Licata e il giglio Sant’Alberto, nato a Trapani e morto a Messina"

Il rettore è affiancato da un team di studiosi tra architetti, storici dell’arte e volontari, oltre che dall’Associazione culturale "Guardie del Tempio", che ha contribuito ai finanziamenti dei lavori per la messa in sicurezza della struttura e che ne cura la fruizione. L’evento è inserito all’interno del progetto “Far rifiorire il Complesso Monumentale del Carmine Maggiore”, che mira con una serie di iniziative tra restauri, incontri culturali e studi mirati, alla rinascita del luogo e alla musealizzazione di diverse aree.

Il complesso del Carmine resta uno dei capolavori artistici e architettonici dell’intera città, con la sua chiesa barocca seicentesca dove al suo interno permangono opere di Giacomo Serpotta, Antonello e Domenico Gagini, Pietro Novelli, col suo chiostro cinquecentesco e la sua splendida e antichissima Cappella della Pietà, costruzione primitiva del XII sec.

Da domenica 27 marzo sarà possibile, quindi, salire fino in cima al campanile da dove non solo si potrà ammirare, ma “abbracciare” la più bella cupola barocca di Palermo e della Sicilia, sorretta da quattro straordinari e stupendi Telamoni, che si alternano alle quattro grandi finestre, ornate da angeli, frutta e foglie ornamentali.
Un panorama mozzafiato a 360 gradi sull’intera città di Palermo, all’interno del popolare mercato di Ballarò, coronerà questa “acchianata” e visita particolare da conservare tra i ricordi più belli e da condividere con amici e parenti.

Domenica 27 marzo 14:00-16:00

Sabato 10:00-16:00

Domenica 12:00-16:00

Per info e/o prenotazioni: areamonumentale.gdtc@gmail.com; 351 8170095