Torre di Sant'Antonio Abate

IMG_20201107_121108.jpg

La torre di Sant'Antonio fu edificata nel 1302-1313 da Manfredi Chiaramonte il Vecchio, sul luogo della più antica torre di Pharat, ormai in stato di rudere. A pianta quadrata, era ben più alta in origine, constava di ulteriori tre piani, usata come torre civica, alla sua sommità stava la campana senatoria, fusa nel 1379 e udibile da ogni parte della città. Il suo rintocco richiamava non solo i fedeli ma anche i cittadini ogni qual volta si teneva il Consiglio del Palazzo Senatorio e l'adunanza del Parlamento Siciliano. L'orologio posto al secondo livello, è costituito da un disco di marmo bianco raffigurante il sole con i numeri e le lancette in bronzo segnava ogni ora e in special modo le due di notte quando la popolazione non poteva più camminare armata per la città. Ai lati di esso, trovano posto gli araldi del Senato palermitano e quello dei Chiaramonte. All'altezza attuale fu ridotta nel 1595, in seguito alle lamentele degli abitanti della zona per le oscillazioni della torre dovute al forte vento e alla pesantezza della campana. 

Orari di apertura: tutti i giorni dalle 10 alle 18 

Modalità di ingresso e prezzi:

Biglietto intero chiesa/torre 4,00€

Biglietto ridotto chiesa/torre 3,00€ (circuito del sacro)

Biglietto torre/cupola Santissimo Salvatore 4,00€

La visita al luogo avviene nel pieno rispetto dei protocolli sanitari relativi al contenimento della diffusione del Covid-19. L'ingresso alla torre è consentito col solo uso della mascherina. Viene garantita la disinfezione delle mani attraverso l'uso del gel.